I Poliritmi nella Teoria Musicale del Jazz

Per poliritmo si intende una sovrapposizione ed un contrasto tra due differenti andamenti ritmici.
Per esempio, suonando gruppi di tre note sopra un accompagnamento a gruppi di 2 o 4 note . In pratica suoni un ritmo dispari su un ritmo pari o viceversa.
3 : 2 (ritmo ternario su uno binario cioè terzine su duine) oppure 3 : 4 (ternario su quaternario vale a dire terzine su quartine) o 2 : 3 o 4 : 3 or 5 : 4 eccetera.

teoria jazz e i poliritmi

Esercizi di teoria jazz : ritmi complessi

Esercizi:

  • Suona tutte figure 3 : 2 – poi 6 : 2 continuativamente; ed allo stesso modo
  • 2 : 3 – poi 4 : 3
  • 5 : 4 – poi 10 : 4
  • Eccetera.

Attenzione : Questi esercizi sono un po’ difficili, sii paziente!
Tuttavia danno grandi vantaggi. Sii paziente!e continua il tuo studio. Esercizio ritmico molto importante
E’ molto utile esercitarsi a suonare poliritmi senza interruzione per acquisire ( pianista) una certa indipendenza tra la mano sinistra e la destra.

Inoltre la ritmica acquisisce freschezza, imprevedibilità e dinamicità

paraticare i poliritmi e la teoria jazz

Impara l’ armonia e teoria musicale jazz online

Il poliritmo è un ottimo strumento per acquisire varietà e indipendenza ritmica. Mi spiego: il pianista suonando due differenti ritmi tra la mano sinistra e la destra (per esempio 2:3 o 4:3, eccetera) riesce a ‘sganciare’le mani tra loro, cioè acquisisce la capacità di suonare in maniera del tutto indipendente tra le mani.

Inoltre anche qualsiasi altro musicista, improvvisando per esempio delle quartine su un ritmo a terzine realizza un poliritmo ed impara a suonare in maniera indipendente dalla ritmica. Per indipendente non intendo ‘fuori tempo ‘. Al contrario: intendo suonare talmente bene a tempo da sembrare che il musicista non lo stia seguendo. Il termine che definisce questo espediente che crea il poliritmo  è “controtempo” o suonare “contro il tempo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

css.php